fbpx

In Evidenza

Corso breve di restauro dipinti

Richiesta Informazioni
sul Corso

mail: info@cerfirenze.it
tel:
055 470044


Durata: 80 ore di formazione


Lezione: tutti i giorni dal lunedì al venerdì – dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 18


Inizio corsi: lunedì 11 luglio 2022
Fine corsi:   venerdì 22 luglio 2022


Sede: Firenze

Villa la Petraia, Via la Petraia n,40


Posti disponibili: minimo 8 partecipanti


Costo:  1198 € iva inclusa

È previsto uno sconto per gli ex allievi dei corsi triennali del CER


Per iscriversi online è necessario collegarsi con il sito della Scuola Edile di Firenze che si occupa della vendita online, cliccare qui e compilare il modulo d’iscrizione.

Chiusura iscrizioni: 28 giugno 2022


Richiesta Informazioni

Laboratorio

Corso breve di restauro dipinti

Il corso si svolge in lingua italiana ed è rivolto a tutti, anche principianti, italiani e stranieri.

Non è necessario avere competenze pregresse

Corso di avvicinamento alla conservazione e restauro dei dipinti mobili mediante l’acquisizione di competenze teoriche e pratiche su metodologie, materiali e strumentazioni utilizzate nel settore

Il Corso si svolge nelle settimane dall’11 al 22 luglio 2022
80 Ore di formazione – distribuite in 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 18
Chiusura iscrizioni: 28 giugno 2022 – Numero minimo 8 iscritti

  • Introduzione
    Concetti generali su Prevenzione, Manutenzione e Restauro. Cenni sulla Conservazione Preventiva: illuminazione, clima, i biodeteriogeni, gli inquinanti
  • Analisi dell’opera
    Strumentazione ‘basic’ per le indagini preliminari. Analisi con: luce visibile diretta e radente, transilluminazione, Fluorescenza ultravioletta.
  • Tecniche di esecuzione dei dipinti su supporto tessile e ligneo
    Realizzazione della carpenteria: assi e traverse. Le tele e i telai. Gli strati preparatori. Il film pittorico. Le vernici
  • Riconoscimento delle tipologie di degrado
    Danni dei supporti lignei e tessili: la craquelure, fessurazioni/spacchi/lacerazioni, sollevamenti degli strati pittorici, perdite di colore, alterazione del colore originale, alterazione delle vernici. Danni da microorganismi: anobidi (tarli), lepismi (pesciolini), muffe. Danni da precedenti interventi di restauro: parchettature, toppe, ridipinture –
  • Risanamento supporti tessili
    Tecniche del ‘minimo intervento’: umidificazione controllata per recupero planarità, uso del tavolo a bassa pressione, suturazione lacerazioni con metodo filo-filo, tensionamento con ‘strip lining’. Metodologie di fermatura e consolidamento di preparazione e colore: test umidità e calore, valutazione e selezione del materiale idoneo. Tecniche di rintelatura: a pasta, a cera, con resine sintetiche.
  • Introduzione alla pulitura delle superfici policrome
    Rimozione della polvere con metodi ‘dry cleaning’. I solventi: Triangolo di solubilità, test di solubilità Wolbers, tossicità e dispositivi di prevenzione. Supportanti: addensanti, gel rigidi, ‘solvent surfactant gel’. Metodi acquosi: soluzioni tampone, emulsioni
  • Integrazione pittorica
    Stuccatura delle mancanze: a pennello, a spatola, replica dell’andamento di superficie. Applicazione del metodo differenziato (Selezione Cromatica) e imitativo: colori ad acquerello, tempera, vernice.
  • Film superficiali
    Materiali per la verniciatura: resine naturali e sintetiche a basso peso molecolare, resine sintetiche ad alto peso molecolare, additivi, stabilizzanti, opacizzanti.
  • Progetto di intervento
    Linee guida per l’impostazione di un Progetto di intervento attraverso le competenze acquisite